MonteverdeToday

Villa Pamphili, passo indietro del Comune sul Vivibistrot: "Stop allo sgombero, poi un bando pubblico"

In Aula capitolina la richiesta a maggioranza. Sulla carta il punto ristoro dovrebbe chiudere il 3 gennaio

Lezioni di Yoga organizzate dal Vivi Bistrot

Il Campidoglio ci ripensa. Per il Vivibistrot niente sgombero fino alla pubblicazione di un nuovo bando pubblico. A chiedere alla sindaca di stoppare la chiusura dal 3 gennaio dell'unico punto di ristoro presente all'interno di Villa Pamphili, è l'Aula capitolina con una mozione passata a maggioranza. Un unico atto firmato sia dai Cinque Stelle che dalle opposizioni a sintesi di più mozioni che chiedevano lo stesso intervento.

Si legge nel testo: "L'assemblea impegna ad adottare ogni atto e iniziativa di indirizzo, affinché gli uffici competenti del dipartimento Patrimonio pongano in essere tutte le procedure necessarie alla pronta messa a bando dell'immobile in modo da consentirne la regolare gestione mediante affidamento in concessione". Ma, e il punto è dirimente, "nelle more della pubblicazione e dell'affidamento a nuovo gestore si scongiuri lo sgombero forzoso che comporterebbe l'interruzione dei servizi offerti ai fruitori del parco a un inesorabile degrado della struttura"

La denuncia di uno sgombero imminente era arrivata giorni fa dalle due titolari che gestiscono il punto ristoro. Tra 25 giorni il bar ristorante del parco più frequentato della Capitale, nel quadrante ovest della città, dovrebbe sulla carta lasciare i locali gestiti da ben 12 anni. A imporlo una notifica, firmata Roma Capitale, arrivata il 4 dicembre sulle scrivanie di Cristina Cattaneo e Daniela Gazzini, le due imprenditrici che hanno in mano lo spazio, di proprietà del dipartimento Patrimonio, dal 2008. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Legalmente il Comune ha ragione" hanno spiegato nella petizione che hanno lanciato su Change.org per scongiurare, almeno in via temporanea, la chiusura coatta dei locali. Nel 2015 "sono scaduti i termini di affitto", è vero, quelli stabiliti dalla concessione data nel 2003, con contratto 6+6, alla società Perugia Franco srl, da loro rilevata. Oggi scaduti i tempi per la riconsegna già da 4 anni (ma le titolari hanno comunque pagato l'affitto), per qualunque cessione serve un bando pubblico. Che però il Campidoglio non ha mai fatto partire. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus: a Roma 58 nuovi positivi, 2914 casi nel Lazio. Record di guariti nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

Torna su
RomaToday è in caricamento