MonteverdeToday

Siringhe a Villa Pamphilj, i cittadini lanciano l'allarme: "Qui pochissimi controlli"

Chiesto l'intervento del Campidoglio per ripristinare la sicurezza nella villa. Associazione per Villa Pamphilj: "I nostri volontari hanno rinvenuto decine di siringhe nei boschi e lungo i sentieri"

Foto dell'Associazione per Villa Pamphilj

Nuovo allarme siringhe. I volontari che si prendono cura della villa più grande della Capitale, ne hanno trovate a decine. Molte, con l'ago ancora inserito, sono state conficcate nel terreno, nei tronchi e sui rami caduti. Ancora una volta, vicno all'ongresso di via Vitellia. Ma non solo. 

Allarme siringhe

Le siringhe sono state trovate "soprattutto nei boschetti a pochi passi dai giochi dei bambini in prossimità dell’ingresso di via Vitellia e – tornano a segnalare dall'associazione per Villa Pamphilj – non accennano a diminuire". Il problema era stato recentemente portato all'attenzione dei media e dell'amministrazione. Lo scorso 11 marzo infatti, una trentina di siringhe, erano state rinvenute sopra un cassonetto della prestigiosa villa romana. Sempre all'altezza dell'ingresso di via Vitellia.

I problemi della villa

"I tossicodipendenti scelgono di venirsi a drogare a villa Pamphilj perché di fatto ci sono pochissimi controlli quando invece occorrerebbe un’azione sistematica ed organizzata da parte dell’Amministrazione – fa notare Paolo Arca, Presidente dell’Associazione – Da parte nostra ci attiveremo contattando l’Ama per un’azione di bonifica dell’area. Ma quello della droga è solo uno dei problemi che affliggono la villa: dalla prostituzione ai furti, dal vandalismo all’assenza di interventi, la gestione della villa è allo sbando". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Tavolo di Coordinamento

Tra siringhe, preservativi e deiezioni umane, diventa sempre più complicato garantire decoro e sicurezza all'interno della villa più grande della Capitale. "Nei mesi scorsi abbiamo chiesto alla Sindaca un incontro per illustrarle 'lo stato delle cose' e per esporle le nostre perplessità circa il Tavolo di Coordinamento per Villa Pamphilj costituito più di un anno fa senza che abbia prodotto alcun risultato" fa notare sempre Arca. Le ormai frequenti segnalazioni sul degrado del polmone verde, fanno pensare che non sia più procrastinabile un'inversione di tendenza. La presenza di siringhe, ancor più vicino a luoghi frequentati dai bambini, desta seria preoccupazione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

Torna su
RomaToday è in caricamento