MonteverdeToday

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Luca Barbarossa per la riapertura della scuola Girolami: l'appello cantato dell'ex alunno monteverdino

Il cantautore nato a Monteverde si appella agli enti locale perché partano il prima possibile i lavori alla scuola di Monteverde, chiusa dal crollo di un controsoffitto otto mesi fa

 

"C'era un bambino che come, andava a scuola al Girolami... adesso è chiusa per i lavori che, non cominciano proprio mai". Ai tanti appelli per la scuola Girolami si aggiunge quello, cantato, dell'ex alunno monteverdino Luca Barbarossa.  Sulle note di C'era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones, ha diffuso un video di auguri dove si chiede agli amministratori pubblici di darsi da fare per sbloccare la situazione dei lavori nella scuola, ancora da partire. "È ora di darsi una svegliata e di dare la Victor Hugo Girolami agli alunni e agli insegnanti".

Già, perché dopo quasi otto mesi dal crollo del controsoffitto in una classe dell'infanzia e la chiusura dell'edificio del plesso centrale che raccoglieva circa 800 alunni, a oggi il palazzo è stato riaperto solo in minima parte. Si attende ancora l'assegnazione dei lavori preliminari d'indagine sulla vulnerabilità sismica del plesso. Il rischio quasi certo è che non riapra neanche per l'anno scolastico 2020/2021, con pesanti ripercussioni sulle iscrizioni e sui posti di lavoro. 

Lo scorso 23 novembre un corteo di oltre 600 persone tra bambini, genitori, docenti, nonni, commercianti della zona, associazioni di cittadini e comitati delle scuole limitrofe, hanno manifestato indossando una maglietta bianca con la scritta #RiapriamolaGirolami e sfilato per le strade del quartiere per far sentire la loro voce e sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni sulla situazione di grave disagio che stanno vivendo da ben 200 giorni. Il corteo ha raggiunto il cortile della Girolami dove era allestita una mostra con i disegni degli alunni ed è terminato in un girotondo dei bambini che si sono stretti in un simbolico abbraccio intorno alla loro scuola.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento