MonteverdeToday

Schiamazzi e case che tremano: Casal Lumbroso contro il parco acquatico

Sotto accusa il parco Hydromania. Una cittadina si incatena alla sede del municipio e attacca: “Il parco acquatico anche quest'anno ha aperto al pubblico senza averne l'autorizzazione. La piscina ad onde fa tremare le nostre case”

Estate rumorosa non solo per gli abitanti di Ostia o per i residenti del centro di Roma alle prese con la movida. Anche un quartiere relativamente lontano dal mare, come quello di Casal Lumbroso nel XVI municipio, e dai normali disagi estivi può arrivare alla rivolta.

A causare la rivolta un parco acquatico tra i più gettonati a Roma, Hydromania, che confina con alcune case. E lunedì la rivolta di una cittadina, esasperata dal rumore dei frequentatori del parco, è arrivata alla sede del municipio dove una cittadina si è incatenata.

Secondo quanto riferito dalla donna "la società di gestione del parco acquatico anche quest'anno ha aperto al pubblico senza averne l'autorizzazione. Non solo: tutti i lavori per la realizzazione di strutture di divertimnento all'interno del parco o, anche, all'esterno, come la barriera antirumore lunga 180 metri e alta da 4,5 ad 8 metri, sono state relizzate con le sole dichiarazioni di inizio attività (Dia) e non invece con il permesso a costruire"

  Le nostre abitazioni ci sono da molti anni prima della costruzione del parco realizzato con una sola concessione edilizia per centro sportivo e con obbligo di non cambiare la destinazione d'uso  
Dopo la clamorosa protesta la donna ha presentato ieri una denuncia alla Procura di Roma, alla Corte dei conti, al Csm e alla Corte d'Appello. “Le nostre abitazioni ci sono da molti anni prima della costruzione del parco realizzato con una sola concessione edilizia per centro sportivo e con obbligo di non cambiare la destinazione d'uso. Né il Municipio XVI, né i vigili urbani, né il Campidoglio intervengono. Mentre noi viviamo barricati, travolti dal rumore di 7.500 frequentatori quotidiani, con le case che tremano per la piscina ad onde".

Solidarietà agli abitanti di Casal Lombroso è stata espressa dal presidente della commissione sicurezza urbana del Comune di Roma Fabrizio Santori, secondo il quale bisogna porre fine alla situazione di disagio. "Sono anni che i residenti di vicolo del Casale Lumbroso, le cui case confinano con Hydromania, sorto successivamente alla costruzione delle abitazioni  sono vittime ogni estate di schiamazzi, rumori assordanti e vibrazioni, causa di disagi sociali dalle ore 9 alle 18".

"Siamo dispiaciuti dell'ennesima latitanza della maggioranza del Municipio XVI, considerato che”, ha proseguito Santori, “ nessuno si è degnato di accogliere le istanze della cittadina che ha protestato. E' giunto il momento che il Campidoglio ascolti le richieste dei residenti quotidianamente vessati dalla presenza di migliaia di utenti del parco, che tra musica e schiamazzi violano il diritto al riposo ed alla tranquillità".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento